L’importanza di essere “digital”

Gli esperti sono concordi sul fatto che per riuscire in qualunque campo una piccola e media impresa non può più prescindere da un approccio “digitale”. Andiamo dunque ad analizzare quali sono i giusti approcci per cimentarsi in questo contesto.
Per azienda “Digital” si intende una società/attività che sia presente e individuabile in maniera organica sul web e che sia attiva almeno su una piattaforma Social, meglio più di una. Quindi che svolga corrette attività di web marketing e social media marketing.
In Italia, incluse città più cosmopolite come Roma la dimensione delle piccole e medie imprese ne ha ritardato la digitalizzazione.
Le piccole e medie aziende italiane non brillano per massa critica e nemmeno per approccio “digital” rispetto ad altre realtà europee ugualmente evolute in termini di prodotto, ma di taglia media maggiore. C’è in alcuni casi una assenza totale di conoscenza delle dinamiche digital che ne rallentano lo sviluppo o semplicemente ne arrestano la conoscenza anche nel loro stesso territorio.
Succede infatti troppo spesso che molte aziende ancora non abbiano nemmeno un sito internet o che se ce l’hanno non lo utilizzano e sfruttano come dovrebbero. Oggi Google e in generale i motori di ricerca prediligono quelle aziende che investono costantemente nei contenuti di valore che sono attive insomma, premiandole proprio dando loro una visibilità maggiore. Così come allo stesso modo spesso ci sono realtà che si rifiutano di presidiare le piattaforme social non attuando strategie di lead generation, ovvero di attività di coinvolgimento della propria community attraverso il Digital Marketing.
Allo stato attuale delle cose tutto questo rappresenta una criticità da risolvere e non c’è dubbio che ci ha trascurato la comunicazione e gli strumenti di Marketing Digitale sia rimasto indietro rispetto anche ad una concorrenza non necessariamente migliore in termini di qualità di prodotto. La comunicazione oggi infatti non può più essere distinta tra On Line e Off Line. La comunicazione è Digital. E se non comunico non esisto.
Per fortuna ci sono casi di aziende invece che hanno avviato investimenti per una cultura “digital”. Attraverso questi hanno avuto più visibilità nel mercato globale e aumentato la quota di fatturato all’estero. Gli imprenditori orientati al digitale hanno modificato il loro approccio al business come condizione necessaria per penetrare i mercati esteri. In caso contrario non ce l’avrebbero mai fatta o avrebbero dovuto affrontare tempistiche maggiori. La crescita in fatturato delle medie aziende digital è almeno del 50 per cento superiore alle altre e già solo questo dato dovrebbe far abbondantemente pensare.
facebook-down-fonte-websource
La consapevolezza dei limiti di un approccio alla comunicazione non Digital dovrebbe a questo punto essere abbastanza chiara, così come dovrebbe essere abbastanza chiaro che in un mercato globale solo una azienda con un forte approccio digitale può riuscire ad affermarsi. Tenendo presente anche che solo le imprese con queste caratteristiche possono creare nel cliente un’esperienza continuativa del prodotto o servizio e di conseguenza creare quel “engagement” razionale o emozionale attorno alle proprie attività.

Emanuele Ruggiero

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...